Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy cliccando qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
  • Sei in LOCALITA' / localita'
  • Grecchia

    (localita' a Lizzano In Belvedere)
    Grecchia

    Contatto: IAT Lizzano in Belvedere 0534/51052 - IAT Vidiciatico 0534/53159
    40042 GRECCHIA BO
    Tel. 0534/51052 - 0534/53159
    iat.vidiciatico@comune.lizzano.bo.it , iat.lizzano@comune.lizzano.bo.it   www.cornoallescale.net  
    Come arrivare: Da Lizzano proseguire per Vidiciatico, poi seguire le indicazioni per Fanano. A circa 1 Km da Vidiciatico, al bivio della Masera, deviare per Querciola. Da Querciola proseguire sulla strada principale, in direzione di Gaggio Montano, per 2 Km.


    A poca distanza da Gabba si trova la località di Grecchia, il cui nome probabilmente si riferisce a una specie di erica, "crecchia"; inoltre in Toscana "crecchio" significa "duro", "cretaceo". Quindi Grecchia significa "luogo dal terreno argilloso e con tanta erica". Il centro originale, risalente al 1000-1100, fu costruito attorno ad una torre difensiva che fu in seguito trasformata in campanile. A causa delle numerose frane che si sono susseguite nel tempo, dell'antica chiesa di San Lorenzo (dove erano visibili l'abside e il pavimento in mosaico datato 1878, anno in cui venne restaurata e ampliata la chiesa, come pure la meridiana, unico esempio della zona, e la formella raffigurante San Lorenzo) è rimasto solo il campanile diroccato. E' pericoloso e assolutamente sconsigliato avvicinarsi alla chiesa. Si raccomanda pertanto di guardarla rimanendo sulla strada principale.
    Grecchia era un antico possesso dell'Abbazia di Nonantola, ghibellina, a breve distanza dalla guelfa Gabba, che era dei Bolognesi. Dal territorio di Grecchia passava il canale, costruito nel XIV secolo dai bolognesi per il trasporto del legname, servendosi delle acque del Dardagna che venivano immesse nel fiume Reno (vedi Poggiolforato).

    Altitudine: m. 709


  • Informazioni a cura della Redazione dell'Appennino Bolognese
    Ultimo aggiornamento: 07/08/19     (NewsID: 25010)
segnaliamo