Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy cliccando qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
  • Sei in Pianoro / LOCALITA' / localita'
  • Pianoro

    (localita' a Pianoro)

    Contatto: Municipio
    Piazza dei Martiri, 1 40065 Pianoro BO
    Tel. 051 6529111 Fax 051 774299
    cultura@comune.pianoro.bo.it   www.comune.pianoro.bo.it  
    Come arrivare: Distanza da Bologna Km 13 Uscita autostrada A1 Sasso Marconi; A14 uscita San Lazzaro Strada Statale 65 della Futa Stazione di San Benedetto Val di Sambro, sulla linea Bo-Fi (25 Km); Stazione di Sasso Marconi Linea Ferroviaria Regionale Bologna-Porretta (11 km).

    Interessanti la chiesa di San Giacomo Maggiore a Pianoro Vecchio, edificio ristrutturato nel Settecento, unito ad un "ospitale" dei pellegrini di cui si ha notizia fin dal XII secolo. All'interno sono conservate alcune tele di pregio attribuite alla Scuola del Francia.
    La Torre dei Lupari, di uso fortilizio, si colloca fra Pianoro Vecchio e Pianoro Nuovo. Alcune fonti riportano l'esistenza di questa costruzione al secolo XII, sebbene quella attuale risalga, probabilmente, alla fine del XV secolo, mentre le costruzioni adiacenti sono di poco posteriori. Resta comunque un buon esempio di opera in stile romanico alla cui costruzione presero parte i Maestri Comacini. La torre è munita di una scala a chiocciola racchiusa in una torretta adiacente che permette l'accesso alla stessa. La torre ed un edificio a doppio loggiato, racchiudono da tre lati il cortile. Dell'antica abbazia di San Benedetto (secoli XII - XIII), di stile cistercense con caratteri romanici e proto-gotici, non restano che antiche vestigia, come i resti dell'abside, di forma squadrata, e i resti della chiesa. In frazione Musiano interessante l'Abbazia di San Bartolomeo, di origine protoromantica, ripristinata nel 1958. Dell'originale, sono rimasti buoni tratti delle mura perimetrali, alcuni pilastri polistili a suddivisione delle tre navate e parti degli absidi. All'interno sono presenti una statua del titolare in legno policromo ed un vaso di marmo greco dell'età augustea.

    Superficie comunale: Kmq 107
    Altitudine: m 200
    Densità: ab/Kmq 151


  • Informazioni a cura della Redazione dell'Appennino Bolognese
    Ultimo aggiornamento: 15/03/15     (NewsID: 5000064)
segnaliamo