Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy cliccando qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
  • Sei in Porretta Terme / LOCALITA' / localita'
  • Porretta Terme

    (localita' a Porretta Terme)

    Contatto: IAT di Alto Reno Terme
    Piazza Libertà, 11 40046 Porretta Terme, Comune di Alto Reno Terme BO
    Tel. 0534 521103 Fax 0534 24440
    iat@comune.altorenoterme.bo.it   www.discoveraltorenoterme.it  
    Orario feriale: Municipio 8.30 / 12.30 Pomeriggio il giovedì 15.30 / 17.30
    Chiusura settimanale: Domenica


    Nota stazione termale e centro di villeggiatura dell'Appennino Bolognese, al confine fra Emilia e Toscana, nel Comune di Alto Reno Terme. La storia di Porretta è molto articolata e corrisponde essenzialmente alla storia delle sue terme. Alcune vestigia di epoca classica trovate in zona ci tramandano notizie sull'esistenza e l'antichità d'uso delle acque curative: la scala romana in pietra serena trovata negli stabilimenti delle Terme alte; il mascherone raffigurante il volto di un leone, divenuto simbolo delle Terme di Porretta, anch'esso risalente all'età romana (I sec. d.C.).
    Nel periodo Rinascimentale la fama di Porretta si diffuse ampiamente, trovando riscontro sia sul piano letterario ("Le Porrettane" di Sabatino degli Arienti, 1483; Niccolò Machiavelli che la cita ne "La Mandragola") che nella frequentazione costante da parte di personaggi illustri (Lorenzo il Magnifico, il Cardinale Francesco Gonzaga, il celebre pittore Andrea Mantegna). E' in questo periodo che nasce effettivamente il centro urbano di Porretta, che aveva come cardine l'asse del Rio Maggiore. L'abitato non aveva delle vere e proprie mura, ma le stesse case fungevano da cinta di difesa; fra di esse si aprivano cinque porte, di cui purtroppo non rimane traccia. La fruizione delle terme riceve un ulteriore impulso nell'Ottocento con la costruzione della strada Porrettana e della ferrovia che collega Bologna con Pistoia. Oltre agli antichi stabilimenti delle Terme Alte vengono eretti quelli della Porretta vecchia e della Puzzola, posti fuori dal centro abitato, che crarono quella bipolarità termale conservatisi sino a pochi anni fa. Dopo l'Unità d'Italia la notorietà delle acque termali di diffonde in tutta la penisola ed anche all'estero. Il centro di Porretta si sviluppa ulteriormente lungo l'asse urbano dell'odiena Via Mazzini e con la creazione di molti nuovi alberghi. Fu quello il periodo d'oro dei Bagni della Porretta.
    Il grazioso centro storico del paese merita sicuramente una visita.


    Superficie comunale: Kmq. 33
    Altitudine: m 400 - 1.500
    Densità: Ab./Kmq. 137
     

  • Scheda 3 di 3     « Inizio     < Indietro   

    Informazioni a cura della Redazione dell'Appennino Bolognese
    Ultimo aggiornamento: 15/11/18     (NewsID: 20180)
segnaliamo