Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy cliccando qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
  • Sei in SCOPRI IL TERRITORIO / ARTE E CULTURA / chiese, pievi, battisteri
  • Chiesa Parrocchiale di Amola

    (chiese, pievi, battisteri a Montesanpietro)

    Contatto: Parrocchia di Calderino - Tel.: 051.676.01.20
    Via Amola 40050 Monte San Pietro - Fraz. Amola BO
    Come arrivare: S.P. 26, Valle del Lavino fino al centro abitato di Ponte Rivabella. Da Piazza della Repubblica si imbocca Via Amola che porta direttamente alla località omonima. Facilmente raggiungibile con mezzi privati. Parcheggi adiacenti alla Chiesa.
    Periodo apertura: Visitabile tutto l'anno, su appuntamento
    Gratuità: Ingresso gratuito


    Chiesa molto antica di cui si fa menzione a partire dal '300, dedicata a Santa Maria Assunta. Si trova in località Amola, oasi di pace, di verde e di tranquillità a soli 3 Km. da Calderino e a 334 mt. slm.
    All'interno della Chiesa, di epoca settecentesca, si trova una delle opere più preziose dell'arte bolognese: La "Via Crucis" di Mauro Gandolfi eseguita nel 1792, costituita da ben 14 dipinti. Tra le altre opere, tre tele di Guardassoni, una delle quali, la "Madonna Assunta in fioriera", datata 1858, venne benedetta da Papa Pio IX. La Chiesa ospita un prezioso organo a canne del 1757 opera di Pietro Agati. Solo il campanile non è più originale in quanto ricostruito nel 1946 dopo i danni subiti durante la Guerra; mantiene comunque le linee architettoniche originali. A pochi metri dalla Chiesa è la Ca' dei Ghedini, casa forte risalente al XV secolo anche se ripetutamente modificata nel tempo. Presenta interessanti elementi di struttura architettonica, ornata da cariatidi romaniche e da un antico mascherone.


  • Informazioni a cura della Redazione dell'Appennino Bolognese
    Ultimo aggiornamento: 28/02/15     (NewsID: 10081)
segnaliamo