Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy cliccando qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
  • Sei in Porretta Terme / SCOPRI IL TERRITORIO / ARTE E CULTURA / archeologia industriale
  • Ferriera Ca' d'Alessio

    (archeologia industriale a Porretta Terme)

    Contatto: IAT Alto Reno Terme, Tel. 0534 521103
    Via I Maggio 40046 Porretta Terme, Comune di Alto Reno Terme BO
    Tel. 0534/22021
    Come arrivare: L'edificio si trova un paio di Km fuori Porretta in direzione Bologna, è sul lato destro della strada statale 64 Porrettana. Ci si può arrivare anche a piedi dalla stazione ferroviaria di Silla. A poche centinaia di metri anche la fermata dell'autobus.

    Nel territorio dell'appennino bolognese le prime ferriere cominciarono a diffondersi nel periodo fra il 1820 ed il 1830. Il lavoro di questi opifici consisteva nel produrre manufatti semigrezzi col metallo proveniente dalle fonderie o con il riutilizzo di materiali ferrosi, mediante la battitura con un particolare tipo di maglio, detto distendino, oppure nel forgiare attrezzature prevalentemente agricole, come vomeri ed assali. La ferriera di Cà d'Alessio si presenta come uno dei migliori esempi di archeologia industriale presenti sul territorio. Conserva ancora intatti tutti i macchinari utilizzati per la lavorazione del ferro, la fucina, i magli, le presse. La grande particolarità di tale ferriera è che l'energia utilizzata per le varie attività era fornita dall'acqua: tutte le strutture si trovano in perfetto stato di conservazione e sono ancora totalmente funzionanti. La ferriera Cà d'Alessio avrà una posizione di rilievo all'interno del progetto del Museo Aperto della Montagna Bolognese, che prevede una sezione dedicata proprio all'archeologia industriale: l'edificio sarà utilizzato come spazio didattico e come luogo della memoria storica industriale del territorio montano.


  • Informazioni a cura della Redazione dell'Appennino Bolognese
    Ultimo aggiornamento: 14/11/18     (NewsID: 20159)
segnaliamo