Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy cliccando qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
  • Sei in SCOPRI IL TERRITORIO / ARTE E CULTURA / abbazie, monasteri, santuari
  • Santuario della Madonna del Ponte

    (abbazie, monasteri, santuari a Porretta Terme)
    Santuario della Madonna del Ponte

    Contatto: IAT di Alto Reno Terme, Tel. 0534 521103- Parrocchia di Porretta, Tel. 0534-22142
    Via Madonna del Ponte 40046 Porretta Terme, Comune di Alto Reno Terme BO
    Tel. 0534/22142
    Come arrivare: A circa 1 Km da Porretta, oltre gli stabilimenti termali, lungo la strada statale Porrettana (SS 64) in direzione Pistoia. Raggiungibile a piedi, in macchina (possibilità di parcheggio nelle vicinanze), fermata dell'autobus linea Porretta - Venturina.
    Periodo apertura: Aperta tutti i giorni fino al tramonto


    Singolare edificio a pianta ottagonale, situato sulla strada statale Porrettana in direzione Pistoia. Il culto legato alla devozione dell'immagine della Madonna ha radici molto antiche, ed è tuttora molto sentito dai cittadini porrettani.
    Il culto legato alla devozione dell'immagine sacra della Madonna viene fatto risalire da alcuni al 1249. La prima costruzione del futuro Santuario consisteva in una Maestà la cui parete di fondo era costituita dalla roccia su cui era dipinta la Madonna. Tra il 1578 e il 1585 l'originario edificio venne trasformato in un piccolo oratorio. Nel 1613 iniziò la tradizione, che prosegue tuttora, di trasportare l'immagine della Madonna nel periodo delle rogazioni alla Parrocchia di Porretta, per poi riportarla al Santuario il giorno dell'Ascensione, tradizione che deriva da quella analoga della Madonna di San Luca a Bologna. I lavori per la ricostruzione completa del tempio iniziarono nel 1855, ma furono lunghi e difficoltosi a causa della parete rocciosa che occupava il sito dove ora sorge il nuovo Santuario. All'interno della chiesa si trovano alcune opere interessanti di pittori bolognesi, quali Samoggia e Guadassoni, e molti ex voto a testimonianza dei molti eventi miracolosi attribuiti negli anni alla Madonna del Ponte.


  • Informazioni a cura della Redazione dell'Appennino Bolognese
    Ultimo aggiornamento: 14/11/18     (NewsID: 20001)
segnaliamo