Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy cliccando qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
  • Sei in Porretta Terme / SCOPRI IL TERRITORIO / ARTE E CULTURA / chiese, pievi, battisteri
  • Chiesa di S. Maria Assunta

    (chiese, pievi, battisteri a Porretta Terme)
    Chiesa di S. Maria Assunta

    Contatto: IAT di Alto Reno Terme, Tel. 0534 521103 - Parrocchia di Porretta Terme, Tel. 0534/22142- Pro Loco "Il Faggio" , Tel. 0534-29351
    Via di Castelluccio 40046 Castelluccio, Comune di Alto Reno Terme BO
    Tel. 0534/22142
    Come arrivare: La chiesa è situata nella zona centrale di Castelluccio. Difficoltà di accesso per gli handicappati.
    Orario festivo: S. Messa ore 11.00 (Domenica)
    Prezzo intero: Gratis


    Nella zona centrale del grazioso borgo di Castelluccio, in posizione sopraelevata rispetto all'abitato, da cui si gode di uno splendido panorama sulle Valli del Silla e del Rio Baricello.
    Fondata sulla rupe in posizione più elevata dell'attuale tra il 1378 ed il 1385, anche per sostenere lo sviluppo del borgo, la chiesa di S. Maria Assunta franò poi nel 1566 e fu riedificata nell'area attuale nel 1587, per essere ampliata ed in gran parte ricostruita fra il 1660 ed il 1690, mediante elargizioni ed offerte della popolazione.All'interno dell'attuale chiesa a tre navate, si conserva sull'altare principale un'imortante pittura su tela di S. Maria Assunta, attribuita ufficialmente al canuti, ma che molti sostengono essere di Elisabetta Sirani. Fra i quadri posti sugli altari delle cappelle laterali, quello con i Santi fabiano, Sebastiano e Rocco è attribuito ad Alessandro Tiarini. Moderne sono le pitture in affresco di A. Nardi nella cappella del Sacro Cuore, le vetrate istoriate di G. Pivetta e la Via Crucis di E. Giarioli.


  • Informazioni a cura della Redazione dell'Appennino Bolognese
    Ultimo aggiornamento: 14/11/18     (NewsID: 20005)
segnaliamo