Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy cliccando qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
  • Sei in Loiano / SCOPRI IL TERRITORIO / AMBIENTE E NATURA / osservatori astronomici
  • Osservatorio astronomico di Bologna - Stazione di Loiano

    (osservatori astronomici a Loiano)

    Contatto: Per informazioni e prenotazioni rivolgersi al dott. G. Parmeggiani (051-2095753)
    Via Orzale 12 40050 Loiano BO
    Tel. 051 6544434
    http://www.bo.astro.it/loiano/index.htm  
    Come arrivare: Lat. 44° 15' 30" N Long. 11° 20' 12" E 785 m a.s.l.
    Visite guidate vengono effettuate ogni primo sabato del mese (da settembre ad aprile dalle ore 14 alle 16; da maggio ad agosto dalle 16 alle 18). Dietro prenotazione si possono prenotare visite diurne per scolaresche e gruppi di persone. Le visite notturne non sono in genere consentite, eccezion fatta all'inizio di agosto, quando alcune notti sono dedicate al pubblico dietro prenotazione.


    L'esigenza di costruire le stazioni osservative fuori dai centri abitati nacque già alla fine dell'Ottocento. Lo sviluppo dell'astrofisica comiciava a richiedere cieli sempre più bui e più tersi e gli astronomi notarono le prime influenze negative dell'illuminazione via via crescente. Inoltre lo sviluppo dei mezzi di comunicazione rendeva possibile utilizzare siti isolati e in quota, preferibili per la maggior trasparenza dell'aria. I vecchi osservatori, per poter continuare la loro attivita' scientifica, cominciarono a migrare scegliendo siti in collina lontano da nebbie e luci. 
    La stazione di Loiano è gestita dall'Osservatorio Astronomico di Bologna ed è aperta al pubblico dalla primavera all'autunno. Due sono gli strumenti presenti: un telescopio da 60 cm costruito dalla ditta Zeiss e inaugurato nel novembre del 1936, e uno da 152 cm che, inaugurato nel settembre del 1976, fu dedicato a Gian Domenico Cassini, astronomo bolognese del diciassettesimo secolo e celebre costruttore della meridiana di San Petronio a Bologna e dell'Osservatorio di Parigi. Gli astronomi saranno a disposizione per raccontare la vita del cielo: il moto delle stelle e dei pianeti, le costellazioni, lo zodiaco, la via Lattea, i buchi neri, l'esplosione dell'universo.


  • Informazioni a cura della Redazione dell'Appennino Bolognese
    Ultimo aggiornamento: 21/10/22     (NewsID: 5000285)
segnaliamo